[PALESTINA] Da Regno Unito, Stati Uniti, Danimarca, Francia : Workers can shut down the war machine – I lavoratori possono fermare la macchina della guerra

6 months ago 52

Riceviamo e pubblichiamo questo contributo dai compagni della redazione Il Pungolo Rosso, già disponibile sul loro sito (vedi qui):

Qui di seguito un dispaccio dell’agenzia Al Quds del 7 dicembre che segnala giustamente un’iniziativa di lotta di attivisti sindacali nel Regno Unito dove il governo Sunak e l’oppositore di sua maestà, il partito laburista di Starner sono d’accordo sull’infame posizione di non sottoscrivere la richiesta del cessate il fuoco immediato a Gaza. Ogni azione di boicottaggio dello stato sionista e dei traffici di guerra è utile, ma il boicottaggio delle forniture di armi e di petrolio supera ogni altro. 

Redazione Il Pungolo Rosso

“I sindacati in Gran Bretagna hanno organizzato proteste denunciando il sostegno fornito dalle aziende produttrici di armi all’occupazione, che questa utilizza nella sua aggressione contro la Striscia di Gaza da più di due mesi fa.

“Nelle vicinanze del complesso L3 Harris per la produzione di munizioni a guida di precisione nella città di Brighton, nel sud della Gran Bretagna, si è svolta una protesta indetta dai sindacati per chiudere gli ingressi di 4 importanti aziende produttrici di armi che contribuiscono alla loro esportazione verso l’occupazione israeliana.

“La presa di posizione risponde agli appelli dei sindacati palestinesi, rivolti in solidarietà ai lavoratori di tutto il mondo, per fermare l’esportazione di armi all’occupazione e costringerla a fermare i crimini di genocidio e pulizia etnica contro i palestinesi.

“Questi movimenti sindacali mirano anche a fare pressione sul governo britannico affinché si impegni negli sforzi per un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza.

“Questa fermata è una delle due fermate davanti alla fabbrica britannica, che mira a bloccarne le porte per impedire l’ingresso di eventuali camion che trasportano componenti utilizzati nella fabbricazione di munizioni e armi fornite all’occupazione.

“È interessante notare che i partecipanti alla protesta sono membri di vari sindacati, tra cui medici, insegnanti e lavoratori del settore sanitario, dei trasporti e altri, e chiedono il taglio delle forniture di armi a “Israele” ed esercitano pressioni sul governo britannico per chiedere un cessate il fuoco immediato, secondo fonti di stampa.

“I manifestanti affermano che il governo britannico non dovrebbe essere complice delle uccisioni di massa e della pulizia etnica portate avanti dalle forze di occupazione a Gaza.

“L3 Harris” è una delle 4 grandi fabbriche della Gran Bretagna in 4 diverse città davanti alle quali si stanno svolgendo manifestazioni, un movimento che si svolge in coordinamento con i sindacati di altri paesi, tra cui Danimarca, Paesi Bassi e Francia.

“La iniziativa di oggi rientra nell’escalation delle proteste in Gran Bretagna, che denunciano la posizione del governo e anche quella dell’opposizione che attualmente rifiuta il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza.”

Avevamo appena pubblicato questo post e ci è arrivato, dal compagno Edoardo, questo aggiornamento che postiamo subito, ad integrazione:

Mobilitazione internazionale contro le aziende

che forniscono armi a Israele

Giovedì 7 dicembre diverse organizzazioni e campagne hanno dato vita ad
una giornata internazionale per denunciare le compagnie di armi che
riforniscono l’esercito israeliano mentre commette un genocidio a Gaza.
Rispondendo all’appello dei sindacati palestinesi, hanno avviato azioni
in diversi paesi come Gran Bretagna, Stati Uniti, Danimarca, Paesi
Bassi, Australia e Francia.

In particolare, più di 1.000 sindacalisti britannici hanno bloccato le
fabbriche che fornivano armi a Israele nelle città di Bournemouth,
Lancashire, Brighton e Glasgow. Questi siti sono stati scelti perché
producono componenti per l’aereo da caccia F-35 attualmente utilizzato
nel bombardamento israeliano di Gaza che ha causato più di 16.000
vittime civili palestinesi. Durante i picchetti davanti alle fabbriche,
i manifestanti hanno denunciato la complicità del Regno Unito con
Israele, in particolare attraverso la vendita di armi.

A Houston, negli Stati Uniti, gli attivisti hanno bloccato gli ingressi
agli uffici della società americana di servizi bancari e finanziari BNY
Mellon, che investe più di 13 milioni di dollari nella società
israeliana di armi Elbit Systems.

Allo stesso tempo, decine di persone in kayak sono riuscite a bloccare
tre container della compagnia israeliana ZIM in partenza da Melbourne,
in Australia. Una quarta nave ZIM non è riuscita ad entrare nella baia,
imponendo ingenti perdite finanziarie ai complici dei criminali di
guerra.

A Parigi, la campagna “Stop Arming Israel France” ha avuto un’azione a
sorpresa davanti al quartier generale di Exxelia. Come sottolineano
questi attivisti, “Exxelia produce pezzi di ricambio per il settore
“difesa” come “sensori di posizione”. Questi si trovano, ad esempio, nei
missili. » Pochi giorni prima, gli attivisti avevano organizzato
un’azione simile davanti al colosso francese Thalès, che collabora con
l’azienda israeliana Elbit Systems per la produzione di droni.

Mentre il genocidio in corso a Gaza si intensifica, queste azioni
dimostrano l’importanza di sviluppare una mobilitazione antimperialista
che si colleghi al movimento operaio per denunciare l’alleanza criminale
dell’imperialismo occidentale con l’occupazione israeliana. In
particolare, la responsabilità delle multinazionali come Thalès, Exxelia
e Carrefour che traggono profitto dall’oppressione del popolo
palestinese. In tutti i settori in cui operiamo, non esitiamo ad
organizzare azioni ed espressioni pubbliche di solidarietà dei
lavoratori, sindacalizzati e non, con Gaza!

L'articolo [PALESTINA] Da Regno Unito, Stati Uniti, Danimarca, Francia : Workers can shut down the war machine – I lavoratori possono fermare la macchina della guerra proviene da "TOCCANO UNO TOCCANO TUTTI".

Read Entire Article